Sport E Vai  Sport e Vai
Mercoledì 24 Maggio 2017
SEGUI SPORTEVAI SU

Wawrinka in lacrime, Federer: Non è il primo a chiamarmi str...

20/03/2017 09:14

Wawrinka in lacrime, Federer: Non è il primo a chiamarmi str... |  Sport e Vai

La favola continua: dopo sei mesi di stop, a 35 anni e 7 mesi Federer è tornato a vincere Australian Open e Indian Wells nello stesso anno, cosa che non succedeva dal lontano 2006, quando di anni ne aveva 24 ed il primo ad essere sorpreso è proprio King Roger. "A novembre-dicembre, ci siamo riuniti con tutto il team per parlare degli obiettivi di questa stagione. Volevamo fissarci degli obiettivi, e essere in top 8 dopo Wimbledon era uno di questi, ora bisogna rivedere gli obiettivi ora e dire, da dove si riparte? Perché vincere in Australia e ad Indian Wells non rientrava nei nostri piani. Quindi ora è molto importante riposare al massimo. Spero di andare più in fondo possibile a Miami. Poi a fine Miami decideremo cosa fare per la stagione su terra battuta e penseremo agli obiettivi perché sono sicuramente diversi rispetto all'inizio." Qualche suggerimento per battere Wawrinka l'ha avuto:"Non ho dovuto cambiare di molto il mio gioco rispetto ai match precedenti, il che mi ha aiutato in finale. Poi ho anche parlato con Severin Luthi, e mi ha dato dei buoni consigli perché ovviamente conosce bene Stan. Un grande inizio di stagione per me. L'anno scorso non avevo vinto alcun titolo, non penso di aver giocato una finale a parte Brisbane. Questo cambiamento è significativo, bellissimo. Giocando meno tornei io gioco con più pressione- La mia programmazione deve essere congeniale non solo a me come giocatore ma anche a Mirka e ai miei figli, in modo che non debba chiedere loro uno sforzo troppo importante. Il pianto di Wawrinka? Quando si vince o si perde, a volte è più forte di te. Mi piace vederlo e penso che anche ai fans piaccia vedere quanto i giocatori ci tengano alla vittoria o alle sconfitte. Allo stesso tempo, penso che Stan possa essere molto orgoglioso di come si è impegnato qui e di come ha iniziato l'anno. Ha giocato alla grande in un torneo dove aveva fatto fatica in passato. Se è la prima volta che mi danno dello str... per scherzo? No, è successo molte volte. Ecco perché lo prendo come un complimento. Non ci sono sempre le telecamere e quindi a volte sono stato chiamato str.... Molto spesso in effetti. In campo è la prima volta, ma va bene così.". Poi tocca a Wawrinka che spiega i motivi delle lacrime: "Forse per la tensione accumulata nelle ultime settimane. È una dura sconfitta. Da un lato sono contento di essere arrivato in finale. È un grande risultato, ma si vuole sempre fare di più e perdere una finale non è mai semplice da digerire. Ho avuto anche delle settimane post Australian Open dure perché ero infortunato. Ad ogni modo sono contento di esser tornato a questo livello così velocemente. Vedere Roger al top alla sua età è sicuramente incoraggiante per me che compirò 32 anni tra qualche giorno. È dura perdere contro di lui, ma siamo abituati a perderci visto che è il miglior giocatore di sempre. È un giocatore complicato da affrontare per il gioco che ho perché gioca in maniera rapida e non ti fa sentire a tuo agio. È semplicemente straordinario. Gioca così bene, tutto sembra perfetto. Si muove straordinariamente bene. Fa tutto quello che si può fare su un campo da tennis."


Tags: federer indian wells Wawrinka

Articoli Correlati

Questo sito fa uso di cookie.
Continuando la navigazione su questo sito web (quindi cliccando sul pulsante "PROSEGUI NELLA NAVIGAZIONE" o cliccando all'esterno di questa area) si autorizza l'impiego di cookie.
Per informazioni dettagliate sull'impiego dei cookie in questo sito web invitiamo a cliccare su "Maggiori informazioni".Qui è anche possibile revocare l'autorizzazione all'impiego di (alcuni) cookie presenti.

PROSEGUI NELLA NAVIGAZIONE