Sport E Vai  Sport e Vai
Giovedì 26 Novembre 2020
Scitec Nutrition - Integratori Scitec in offerta
SEGUI SPORTEVAI SU

Formula 1 Gp Corea: Vettel vince e mette le mani sul Mondiale. Podio Lotus, Alonso 6°

06/10/2013 09:54

Formula 1 Gp Corea: Vettel vince e mette le mani sul Mondiale. Podio Lotus, Alonso 6° |  Sport e Vai

vettel-gp-

Vittoria Mondiale, o quasi per Sebastian Vettel. Il tedesco della Red Bull ha dominato dal primo all'ultimo giro il Gran Premio della Corea (quarta vittoria di fila) mettendo più di una seria ipoteca sul titolo Mondiale piloti di F1 che potrà conquistare matematicamente già in India. Sono 77 i punti di vantaggio; nulla ha potuto Fernando Alonso con una Ferrari in crisi con le gomme Pirelli e solo 6° al traguardo. Torna grande la Lotus grazie al doppio podio di Raikkonen, secondo, e Grosjean, terzo e autore di una prova maiuscola penalizzata però dall'ingresso di due safety car consecutive. Menzione d'onore anche per Nico Hulkenberg e la Sauber che al quarto posto tengono dietro le Mercedes: Hamilton e lo stesso Alonso, nonchè Rosberg. Completano la top ten Button, Massa (9° dopo il testacoda al primo giro, ripartito ultimo) e Perez protagonista dell'esplosione del pneumatico con relativo prima safety car. Ritirato Webber con il Renault della sua Red Bull ancora in fiamme, causa della seconda interruzione.

LA CORSA. Vettel parte senza problemi e tiene la testa della corsa. Alle sue spalle Grosjean è un fulmine e passa Hamilton. Alonso parte bene, supera Hulkenberg ma ha un problema all'uscita dalla prima curva, il tedesco e Massa lo attaccano ma il brasiliano va in testacoda alla staccata successiva (forse i ferraristi si toccano) e riparte ultimo. Alonso si accoda mentre Hulkenberg è 5°. Risale Webber (penalizzato e partito 13°) fino all'8° posto.
Vettel prova ma non va più di tanto in fuga mentre Raikkonen e Alonso si cambiano e scambiano le posizioni a cavallo del primo pit-stop, anticipato per tutti, intorno al 10° giro.
Le posizioni si cristallizzano: Vettel, Grosjean, Hamilton, Rosberg e poi il il trenino Hulkenberg, Alonso, Raikkonen e Webber. Intanto Rosberg passa Hamilton (anche lui in difficoltà con le gomme) ma si deve fermare ai box per un problema all'ala anteriore che tocca l'asfalto facendo spettacolari scintille.
Il colpo di scena arriva al giro 31 quando tutti stanno effettuando il secondo pit, Perez indugia con le medie e vede esplodere l'anteriore destra. La carcassa resta in pieno rettilineo, entra la safety car che annulla i distacchi.
Si riparte a 18 giro dalla fine con questa classifica: Vettel, Grosjean, Raikkonen, Hamilton, Hulkenberg, Alonso, Button. Vettel tiene la testa, Hulkenberg passa Hamilton ed è 4°. Webber e Sutil si toccano nelle retrovie ed il motore della Red Bull dell'asutraliano va ancora in fiamme! Dopo nemmeno un giro è di nuovo in pista la safety car. Raikkonen aveva fatto in tempo a passare Grosjean per il 2° posto.  Alla seconda ripartenza, a 14 giri dalla fine, "scintille" tra Hamilton ed Alonso con sorpasso e controsorpasso tra ex McLaren. L'inglese resiste davanti e si mette all'inseguimento di Hulkenberg. Vettel a suon di giri veloci va a legittimare la vittoria e un Mondiale oramai in tasca. Grosjean non riesce a consorpassare Raikkonen. Ci provano invece in tutti i modi Hamilton e Alonso ma Hulkenberg è una roccia e si tiene il 4° posto. Da sottolineare la rimonta di Massa che a suon di sorpassi (anche uno doppio quasi triplo) risale al 9° posto.

Luca Fusco


Tags: ferrari button mclaren massa diretta live hamilton raikkonen formula uno red bull webber vettel pole position f1 alonso lotus gara mercedes gran premio di corea sergio perez

Articoli Correlati

Questo sito fa uso di cookie.
Continuando la navigazione su questo sito web (quindi cliccando sul pulsante "PROSEGUI NELLA NAVIGAZIONE" o cliccando all'esterno di questa area) si autorizza l'impiego di cookie.
Per informazioni dettagliate sull'impiego dei cookie in questo sito web invitiamo a cliccare su "Maggiori informazioni".Qui è anche possibile revocare l'autorizzazione all'impiego di (alcuni) cookie presenti.

PROSEGUI NELLA NAVIGAZIONE