Sport E Vai  Sport e Vai
Domenica 18 Agosto 2019
Scitec Nutrition - Integratori Scitec in offerta
SEGUI SPORTEVAI SU

Super Dybala, cuore, Var e avvio shock: pregi e difetti della Juve genovese

27/08/2017 09:18

Super Dybala, cuore, Var e avvio shock: pregi e difetti della Juve genovese |  Sport e Vai

Un avvio da incubo, una grande reazione, un Dybala immenso. E, in mezzo, le ormai 'consuete' apprensioni, in negativo e in positivo, provocate dalle decisioni del Var. Il 4-2 della Juventus a Marassi ha scacciato i fantasmi del ko dello scorso campionato e, soprattutto, ha chiarito un aspetto determinante a tutte le altre pretendenti al trono: la squadra da battere è sempre quella di Allegri. 

SUPER DYBALA

Non solo la tripletta, anzi. Della Joya ha impressionato molto di più la capacità di prendere per mano la Juventus nel momento più critico. Sotto di due reti dopo 7', i bianconeri si sono letteralmente aggrappati all'argentino, che li ha condotti per mano verso la rimonta e il sorpasso. Tre gol, numeri d'alta scuola in mezzo al campo, passaggi illuminanti, leadership: certo, il Genoa non era il Real Madrid, ma un Dybala così probabilmente non si era mai visto. Con la 10 sulle spalle. 

LA VECCHIA GUARDIA

In campo dall'inizio c'erano solo giocatori già in rosa l'anno scorso. Proprio gli stessi presi a pallonate dal Genoa in un 3-1 che fa ancora male. Non è un caso, probabilmente, che la Juventus stavolta abbia reagito. Allegri nei giorni precedenti la gara aveva sottolineato molto il ricordo della precedente disfatta. A differenza di 9 mesi prima, stavolta i bianconeri ci hanno creduto e hanno completato la rimonta. E nella ripresa hanno tratto linfa dall'innesto dei nuovi, Matuidi e Bentancur, già in clima campionato. 

LE NOTE NEGATIVE

La difesa che ha (ancora) ballato, un Higuain ancora appesantito e incapace di fare la differenza, una fluidità di gioco che manca e che si accende soltanto grazie all'estro dei singoli, Dybala in primis: Allegri dovrà lavorare su questi aspetti per cercare di riconsegnare alla Juve quei meccanismi perfetti che hanno fruttato 6 scudetti di fila e 2 finali di Champions. Soprattutto la difesa va registrata: nonostante lo schieramento a 4, il Genoa si è presentato troppe volte davanti a Buffon, ancora una volta - come col Cagliari - determinante. E il rendimento di Rugani desta ancora perplessità.

VAR

Due rigori contro in due partite di campionato consecutive non si vedevano da decenni. Se il penalty concesso al Genoa (con Galabinov in fuorigioco) ha fatto esultare gli anti-juventini di tutta Italia, ha fatto imbestialire Buffon. "Il calcio non è la pallanuoto, così ci saranno 55 rigori a campionato", ha fatto notare sommessamente il capitano. Stavolta, almeno, un rigore è stato dato anche alla Juve, in chiusura di primo tempo. Ma Gigi ha ragione: così il Var non va. E non è soltanto un gioco di parole. 

Tommaso Rizzo


Tags: juventus genoa paulo dybala

Articoli Correlati

Questo sito fa uso di cookie.
Continuando la navigazione su questo sito web (quindi cliccando sul pulsante "PROSEGUI NELLA NAVIGAZIONE" o cliccando all'esterno di questa area) si autorizza l'impiego di cookie.
Per informazioni dettagliate sull'impiego dei cookie in questo sito web invitiamo a cliccare su "Maggiori informazioni".Qui è anche possibile revocare l'autorizzazione all'impiego di (alcuni) cookie presenti.

PROSEGUI NELLA NAVIGAZIONE