Sport E Vai  Sport e Vai
Martedì 7 Aprile 2020
Scitec Nutrition - Integratori Scitec in offerta
SEGUI SPORTEVAI SU

GP Messico, Hamilton è nono ma è campione. Domina Verstappen, quarto Vettel

29/10/2017 21:25

GP Messico, Hamilton è nono ma è campione. Domina Verstappen, quarto Vettel |  Sport e Vai

Nel giorno in cui è costretto a lottare nelle retrovie, come un gregario qualunque, Lewis Hamilton si riprende lo scettro di campione del mondo. Quarto titolo iridato per l'inglese, costretto ad abdicare l'anno scorso al suo compagno di scuderia Rosberg. Un titolo giunto grazie al nono posto di Città del Messico, al termine di una gara dominata da Verstappen. Secondo Bottas, terzo Raikkonen. Soltanto quarto Vettel, autore comunque di una grande rimonta dopo un tocco al via proprio con Hamilton, complice il 'solito' Verstappen. 

LA PARTENZA

Verstappen è un fulmine sin dalla partenza, prende l'interno e passa Vettel. Anche Hamilton si inserisce, ma l'ala anteriore del ferrarista centra la gomma della Mercedes dell'inglese, provocandogli una foratura. Lewis e Seb devono rientrare ai box, mentre Verstappen prende il largo e Bottas si inserisce al secondo posto. Vettel rientra in 16ma posizione, Hamilton in ultima. 

MAX IN FUGA

Dopo pochi giri si ritira pure Ricciardo, ma Verstappen è già in fuga. Grazie a una serie di giri veloci l'olandesino prende il largo, accumulando un buon margine su Bottas. Raikkonen, invece, è soltanto sesto, frenato da Ocon. Il finlandese riesce a passarlo solo quando rientra ai box, al pari di Stroll. Nelle retrovie, intanto, Vettel riesce a risalire pian piano fino alla zona punti, mentre Hamilton ci mette una vita a superare Sainz. L'inglese viene doppiato da Verstappen, ma resta tranquillo: sa che per laurearsi campione, gli basta che Vettel non arrivi secondo. 

LA RIMONTA DI SEB

Al pit stop Raikkonen ci arriva in terza posizione e monta le soft. Vettel in settima e azzarda le ultrasoft. Scelta azzeccata, perché il tedesco comincia a macinare giri veloci e a recuperare posizioni, grazie anche a una serie di spettacolari sorpassi. Il tedesco passa dall'ottavo al quarto posto, lasciandosi alle spalle Magnussen, Perez, Stroll e Ocon e ritoccando il record della corsa. Anche Hamilton, comunque, entra in zona punti passando Massa e puntando il duo Alonso-Magnussen.

L'ARRIVO

Finale di gara senza sussulti. Verstappen spinge al limite la sua Red Bull ma non riesce a superare il record di Vettel. L'olandese, comunque, vince con ampio margine su Bottas, mentre Raikkonen sale di nuovo sul gradino più basso del podio, senza tuttavia riuscire mai ad avvicinarsi al connazionale della Mercedes. Quarto Vettel, che mantiene 15 punti di vantaggio in classifica su Bottas, quindi Ocon, Stroll, Perez e Magnussen. Poi Hamilton, vincitore di un duello infuocato con Alonso per la nona posizione. Quattrodicesimo Wehrlein, subito davanti a Grosjean. Fuori l'altra Sauber di Ericsson, costretto al ritiro quando era in dodicesima posizione. 


Tags: ferrari fernando alonso kimi raikkonen hulkenberg red bull sebastian vettel felipe massa lewis hamilton mercedes sauber sergio perez romain grosjean daniel ricciardo valtteri bottas magnussen gp messico max verstappen Pascal Wehrlein carlos sainz jr marcus ericsson

Articoli Correlati

Questo sito fa uso di cookie.
Continuando la navigazione su questo sito web (quindi cliccando sul pulsante "PROSEGUI NELLA NAVIGAZIONE" o cliccando all'esterno di questa area) si autorizza l'impiego di cookie.
Per informazioni dettagliate sull'impiego dei cookie in questo sito web invitiamo a cliccare su "Maggiori informazioni".Qui è anche possibile revocare l'autorizzazione all'impiego di (alcuni) cookie presenti.

PROSEGUI NELLA NAVIGAZIONE