Sport E Vai  Sport e Vai
Mercoledì 28 Ottobre 2020
Scitec Nutrition - Integratori Scitec in offerta
SEGUI SPORTEVAI SU

Copa America: il Cile per lo storico tris. Argentina e Brasile vogliono tornare Regine

19/06/2019 11:22

Copa America: il Cile per lo storico tris. Argentina e Brasile vogliono tornare Regine |  Sport e Vai

La Copa America è iniziata da qualche giorno, per dare spettacolo sino alla finale del 7 luglio. Una competizione che nella sua storia ha saputo emozionare, sorprendere e consacrare vere e proprie stelle del firmamento. Le ultime due però passeranno in qualche modo alla storia, non solo perché giocate consecutivamente a causa della ricorrenza del Centenario: infatti ambedue sono state vinte dalla stessa squadra. La notizia è che non si è trattato di Argentina o Brasile e tanto meno dell’Uruguay, ovvero le più titolate della storia in Sudamerica.

Le ultime due edizioni sono state conquistate dal Cile, un vero e proprio paradosso se si pensa che poi la Nazionale cilena non è stata nemmeno in grado di qualificarsi al Mondiale in Russia del 2018. Una squadra forte, composta da campioni affamati ed esperti: da Sanchez a Vidal fino all’ex Inter Medel: un’ossatura che rimane ma ovviamente avverte il peso degli anni. Di certo il desiderio di rivalsa dopo la debacle dello scorso anno sarà forte, ma difficile ipotizzare un tris che avrebbe del clamoroso.

Si gioca in Brasile, in casa della favorita che tale rimane nonostante l’assenza dell’ultimo minuto di quello che era il suo fuoriclasse, Neymar. Forse un segno del destino che non vi dovesse partecipare: l’infortunio nell’ultima amichevole contro il Qatar ufficializza di fatto ciò che in molti invocavano, a livello politico più che altro: la sua rinuncia a causa delle vicende extra campo legate alla denuncia per stupro. Certo è che quando una competizione si gioca in Brasile per Neymar la fortuna gli gira sempre le spalle: l’ultima volta, nel Mondiale 2014, l’intervento alle spalle di Zuniga nei quarti di finale a metterlo Ko per la seguente semifinale, quella persa 1-7 con la Germania poi Campione del Mondo.

Grande antagonista ovviamente l’Argentina, con un Messi ad uno degli ultimi tentativi di vincere qualcosa con la propria Nazionale. Deve rispondere a Ronaldo che invece di titoli col Portogallo ne ha conquistato un altro, la Nation League, dopo l’Europeo del 2016 in Francia: l’albiceleste ha come sempre un potenziale offensivo eccezionale, ma dalla cintola in giù lascia a desiderare. C’è Lautaro, fuori Icardi: una storia già vista all’Inter e sulla quale non vi erano molti dubbi, visto il veto di Messi su Maurito e i rapporti fra i due certo non idilliaci.

Parte un po’ più indietro l’Uruguay, che dopo il Cile è la squadra che si presenta alla kermesse con l’età media più alta: Cavani e Suarez guidano la carica degli uruguagi, che comunque non vanno mai trascurati quando le cose si fanno terribilmente sul serio. Parteciperanno come invitati Qatar e Giappone, storicamente gli ospiti della manifestazione sono sempre stati Usa e Messico.

Il Brasile è quello che presenta giocatori che hanno totalizzato più minuti quest’anno, nettamente: 38 mila quasi a 27.600 circa dell’Argentina: quest’ultima ha però raccolto coi suoi convocati ben 21 titoli, a fronte dell’uno in meno portato a casa dai giocatori della verdeoro.

Fonte immagini e dati statistici: Copa America 2019, tutto quello che c’è da sapere sull’edizione numero 46


Tags: cile uruguay Brasile Argentina

Articoli Correlati

Questo sito fa uso di cookie.
Continuando la navigazione su questo sito web (quindi cliccando sul pulsante "PROSEGUI NELLA NAVIGAZIONE" o cliccando all'esterno di questa area) si autorizza l'impiego di cookie.
Per informazioni dettagliate sull'impiego dei cookie in questo sito web invitiamo a cliccare su "Maggiori informazioni".Qui è anche possibile revocare l'autorizzazione all'impiego di (alcuni) cookie presenti.

PROSEGUI NELLA NAVIGAZIONE