Sport E Vai  Sport e Vai
Giovedì 14 Novembre 2019
Scitec Nutrition - Integratori Scitec in offerta
SEGUI SPORTEVAI SU

Serie A: Possibile rivoluzione, niente più gare alle 15 in tv

17/10/2016 10:09

Serie A: Possibile rivoluzione, niente più gare alle 15 in tv |  Sport e Vai

SERIE A RIVOLUZIONE TV -

Parallelamente a una riforma dei campionati, con la serie A che potrebbe tornare a 18 squadre come auspicato dallo stesso presidente della Figc Tavecchio, dal 2018 potrebbe esserci una rivoluzione anche in merito ai diritti tv. Come anticipato dal portale calcioefinanza si va verso un passo indietro sulla trasmissione in diretta di tutte le partite. Per riportare la gente allo stadio si starebbe pensando anche a ideare una fascia protetta per le partite della domenica alle 15, che non verebbero più mandate in onda in diretta dalle pay-tv. Un'ipotesi che se da un lato sembra fantasiosa, considerando la sempre crescente importanza dei proventi delle tv (che pagherebbero di meno se avessero meno partite), dall'altro potrebbe avere una sua logica anche in considerazione del fatto che ormai le gare della domenica alle 15 sono anche le meno appetite dalle pay-tv.

SERIE A RIVOLUZIONE TV FASCE - Tra le mosse – ipotizza calcioefinanza - ci sarebbe quella di aumentare il numero delle finestre orarie con una partita sola, creando 7 fasce diverse. Attualmente la situazione standard prevede due fasce il sabato – una gara alle 18 e una alle 20.45 - tre la domenica – una gara alle 12.30, una la sera alle 20.45 e le altre alle 15 con possibili varianti legate agl impegni europei e l'apertura al Monday Night come all'anticipo del venerdì ma in futuro potremmo avere: una gara il sabato alle 15 (che piace Thohir e a chi spinge per i mercati asiatici, basti pensare che in Spagna il match più importante, il Clasico Barcellona-Real Madrid verrà giocato di sabato pomeriggio alle 16.15 proprio per favorirne la visione in prime-time in Oriente), una il sabato alle 18, una il sabato alle 20,45, una la domenica alle 12.30, alcune (minimo 4) la domenica alle 15 senza trasmetterle però in diretta tv, una la domenica alle 18, una la domenica alle 20.45 e una il lunedì (o il venerdì precedente a seconda delle esigenze per le coppe) alle 20.45. Un campionato sempre più spezzatino ma con regole diverse, aperto ai nuovi mercati ma sensibile anche alle esigenze dei tifosi che - anche nelle serie minori - la domenica pomeriggio in assenza di gare in tv sarebbero spinti a tornare allo stadio.

Stefano Grandi
 


Tags: serie a diritti tv orari

Articoli Correlati

Questo sito fa uso di cookie.
Continuando la navigazione su questo sito web (quindi cliccando sul pulsante "PROSEGUI NELLA NAVIGAZIONE" o cliccando all'esterno di questa area) si autorizza l'impiego di cookie.
Per informazioni dettagliate sull'impiego dei cookie in questo sito web invitiamo a cliccare su "Maggiori informazioni".Qui è anche possibile revocare l'autorizzazione all'impiego di (alcuni) cookie presenti.

PROSEGUI NELLA NAVIGAZIONE