Sport E Vai  Sport e Vai
Domenica 8 Dicembre 2019
Scitec Nutrition - Integratori Scitec in offerta
SEGUI SPORTEVAI SU

Partita per la Pace e Maradona si incazza: "Icardi non doveva giocare!"

02/09/2014 10:15

Partita per la Pace e Maradona si incazza: "Icardi non doveva giocare!" |  Sport e Vai
maradona partita della pace

Gol, divertimento e spettacolo: è stato tutto questo e molto altro ancora la Partita della Pace voluta da Papa Francesco, con tanto di messaggio e incontro in mattinata in San Pietro, e giocata ieri sera allo stadio Olimpico: è stata la squadra di Pupi, l'associazione per i bambini dell'Argentina di Javier Zanetti ad imporsi sugli Scholas per 6-3.

In campo tutte le stelle del calcio, del presente e del passato da Del Piero a Baggio passando per Shevchenko. Tra questi anche Diego Armando Maradona. In campo per 90' l'ex El Pibe de Oro, nonostante l'età ed una forma non proprio smaliante, ha deliziato il pubblico con i suoi tocchi sopraffini con cui è riuscito a mandare in rete anche l'altro mito Roberto Baggio. Ma non sarebbe Maradona senza un episodio in netto contrasto con il tema della serata. Nella ripresa per la squadra di Zanetti è entrato in campo l'argentino dell'Inter, Mauro Icardi che ha deciso la partita con una tripletta. "Gli organizzatori mi avevano promesso che non avrebbe giocato - ha tuonato Maradona a fine partita - Sono nero...abbiamo vinto noi. Icardi non fa parte della famiglia del calcio". Un velato riferimento al tradimento dell'amicizia con Maxi Lopez per amore di Wanda Nara, ora diventata signora Icardi. Già in passato Maradona si era espresso contro Icardi per questa vicenda.


Tags: buffon Shevchenko del piero baggio maradona papà Icardi partita della pace

PhotoGallery

Articoli Correlati

Questo sito fa uso di cookie.
Continuando la navigazione su questo sito web (quindi cliccando sul pulsante "PROSEGUI NELLA NAVIGAZIONE" o cliccando all'esterno di questa area) si autorizza l'impiego di cookie.
Per informazioni dettagliate sull'impiego dei cookie in questo sito web invitiamo a cliccare su "Maggiori informazioni".Qui è anche possibile revocare l'autorizzazione all'impiego di (alcuni) cookie presenti.

PROSEGUI NELLA NAVIGAZIONE