Sport E Vai  Sport e Vai
Domenica 29 Marzo 2020
Scitec Nutrition - Integratori Scitec in offerta
SEGUI SPORTEVAI SU

Napoli, Insigne: In Italia si dovrebbe dare più fiducia ai giovani

24/07/2014 12:19

Napoli, Insigne: In Italia si dovrebbe dare più fiducia ai giovani |  Sport e Vai
Protagonista (quasi) sempre in campo, anti-personaggio fuori. Lorenzo Insigne è atteso ad un bivio, passare da talento promettente a campione vero. Un anno e un Mondiale – vissuto ai margini – dopo, Lorenzo il Magnifico si presenta con obiettivi ambiziosi: “Voglio migliorare, fare più gol dell’anno scorso visto che ne ho fatti solo 10 in tutto l’anno scorso e vincere qualcosa di importante con il Napoli”. L’avventura brasiliana non la rinnega (“I Mondiali sono stati una grande esperienza, non è andato nel migliore dei modi ma sono stato contento di far parte del gruppo, quasi non ci credevo alla convocazione”) né pensa di essere stato meritatamente oggetto di critiche dei compagni in azzurro: “So che hanno fatto dichiarazioni sui giovani, che si aspettavano di più ma io credo che si perda tutti insieme così come si vince in gruppo. L’eliminazione è stata tremenda, il rammarico resta ma arriverà un grande allenatore sicuramente che ci riporterà in alto”. Non sono mancate le richieste, soprattutto dall’Arsenal (“ma io penso solo a stare bene qua”) ma Lorenzo resterà uno dei pochi italiani in maglia azzurra: “Credo che i club italiani farebbero bene a puntare sui giovani, meriterebbero più fiducia. Il caso di Immobile andato all’estero non è l’unico e deve far riflettere”. Tatticamente Insigne si è spesso lamentato di giocare lontano dalla porta ma non è il giorno per far polemiche: “Per ora va bene nella posizione che occupo, quando dovesse esserci qualcosa che non va parlerei con il mister a quattr’occhi. Giocare a destra o a sinistra non cambia nulla, sapete che ho sempre fatto l’attaccante con Zeman mentre qui faccio un lavoro diverso e mi sacrifico per la squadra”. Con i tifosi c’è stata qualche incomprensione in passato: “Il pubblico ama di più chi fa gol e mi sono sfogato una volta ma non ci sono problemi, tutto passato”. L’arrivo di Michu non lo spaventa: “La concorrenza aiuta a crescere, dobbiamo essere tutti pronti quando siamo chiamati in causa”. Il primo appuntamento importante in stagione saranno i preliminari di Champions: “Dalla prima partita dobbiamo subito lottare per conquistare la fase a gironi, non possiamo sbagliare”. In testa Insigne ha grandi traguardi: “Dobbiamo dare il 110% per vincere lo scudetto, come abbiamo fatto con la coppa Italia che l’abbiamo cercata e voluta e ce la siamo presa, così dobbiamo fare con il campionato”. Quella coppa Italia decisa proprio dalla sua doppietta è un bel ricordo anche se macchiato dalla morte di Ciro Esposito: “L’ho saputo quando ero in Nazionale e non ci volevo credere, è assurdo che i tifosi facciano la guerra tra di loro”. L’ultimo pensiero è per Reina, tornato al Liverpool: “Ci mancherà, ci ha dato grande sicurezza e saremmo stati felici di riaverlo, ma abbiamo un grande portiere come Rafael che farà benissimo”. Stefano Grandi  

Tags: napoli mondiali arsenal champions insigne michu

Articoli Correlati

Questo sito fa uso di cookie.
Continuando la navigazione su questo sito web (quindi cliccando sul pulsante "PROSEGUI NELLA NAVIGAZIONE" o cliccando all'esterno di questa area) si autorizza l'impiego di cookie.
Per informazioni dettagliate sull'impiego dei cookie in questo sito web invitiamo a cliccare su "Maggiori informazioni".Qui è anche possibile revocare l'autorizzazione all'impiego di (alcuni) cookie presenti.

PROSEGUI NELLA NAVIGAZIONE