Sport E Vai  Sport e Vai
Sabato 24 Ottobre 2020
Scitec Nutrition - Integratori Scitec in offerta
SEGUI SPORTEVAI SU

Dani Alves: Lasciai la Juve perchè voglio vincere la Champions

29/01/2018 14:31

Dani Alves: Lasciai la Juve perchè voglio vincere la Champions |  Sport e Vai

"Voglio rivincere la Champions,  è ciò che ho pensato io quando ho lasciato la Juve". Una frase che lo marchia definitivamente agli occhi dei suoi ex tifosi della Juve. Dani Alves ha vestito alcune delle maglie prestigiose del mondo e giocato con tantissimi campioni, vincendo tutto quello che c’era da vincere. Nonostante una carriera ricca di trionfi, l'instancabile terzino del Paris Saint-Germain non intende fermarsi e spera di trasformare il 2018 in uno degli anni più indimenticabili della sua vita. Il 34enne sogna di vincere il Mondiale con il Brasile ma proverà prima ad aiutare il Paris Saint-Germain a conquistare la UEFA Champions League. Un obiettivo, mai centrato dal club parigino, che Alves condivide con il suo grande amico e connazionale, Neymar. "E' la nostra sfida e la nostra massima aspirazione", ha dichiarato in un'intervista a FIFA.com. "È quello che Neymar ha pensato quando ha lasciato il Barça, ed è ciò che ho pensato io quando ho lasciato la Juve. È questo che ci fa muovere, che ci fa esaltare, che ci fa salire l’adrenalina. Il mondo appartiene ai coraggiosi. Se non hai coraggio resti sempre nell’ombra, e quello non è il posto dove vogliamo stare. Non avevamo nulla in Brasile e volevamo fare qualcosa nelle nostre vite. Non bastano solo i grandi nomi per vincere una competizione come la Champions League. Puoi avere dei top player ma se non si è una squadra non ci si riuscirà mai. Noi siamo pronti, ma se questo cammino ci condurrà alla vittoria o all’eliminazione dipenderà dal modo in cui lavoriamo a livello squadra", ha spiegato Alves. E sulle straordinarie capacità del compagno di squadra - 17 gol in 16 partite di Ligue 1 con i parigini nel 2017/18 - non ha alcun dubbio: "Penso che insieme a [Lionel] Messi sia il calciatore più influente del mondo. Il fatto è che doveva uscire un pò dalla sua ombra. Giocare con un calciatore unico come Leo è la cosa più incredibile che ti possa capitare, ma c’è sempre quel dubbio nella tua mente se sia tu ad avere quelle qualità o sia merito suo. È stato importante per la crescita personale di Ney e per il Brasile che lui abbia seguito una propria strada".


Tags: juventus psg dani alves

Articoli Correlati

Questo sito fa uso di cookie.
Continuando la navigazione su questo sito web (quindi cliccando sul pulsante "PROSEGUI NELLA NAVIGAZIONE" o cliccando all'esterno di questa area) si autorizza l'impiego di cookie.
Per informazioni dettagliate sull'impiego dei cookie in questo sito web invitiamo a cliccare su "Maggiori informazioni".Qui è anche possibile revocare l'autorizzazione all'impiego di (alcuni) cookie presenti.

PROSEGUI NELLA NAVIGAZIONE