Sport E Vai  Sport e Vai
Mercoledì 27 Maggio 2020
Scitec Nutrition - Integratori Scitec in offerta
SEGUI SPORTEVAI SU

Sponsor in fuga e petizioni popolari: in forse l'accordo tra Ched Evans e l'Oldham

07/01/2015 16:09

Sponsor in fuga e petizioni popolari: in forse l'accordo tra Ched Evans e l'Oldham |  Sport e Vai

La tormentata vicenda di Ched Evans continua. La stipula dell'accordo tra il 26enne attaccante gallese e l'Oldham, club inglese con un passato in prima divisione e un presente nelle categorie minori, di fatto è bloccata da alcuni giorni, da quando due sponsor hanno manifestato l'intenzione di ritirare il proprio sostegno al club in caso di ingaggio del bomber, che ad ottobre è uscito di prigione dopo aver scontato metà di una condanna a cinque anni di reclusione per violenza carnale. Nell'aprile 2012 è finito in carcere per aver violentato una ragazza a Rhyl, nel nord del Galles, anche se Evans - che all'epoca dei fatti giocava nello Sheffield United - si è sempre professato innocente. Nei giorni scorsi sulle sue tracce si era messa la formazione in testa al campionato maltese, gli Hibernians, ma l'affare non ha poi avuto seguito. L'Oldham, invece, è andato avanti, nonostante lo scetticismo e la condanna di un numero crescente di persone. Sessantamila quelle che hanno aderito alla petizione lanciata per chiedere al club del sobborgo di Manchester - tra i suoi tifosi più celebri l'ex calciatore dello United Paul Scholes - di non mettere sotto contratto Evans, campagna lanciata da attivisti e sostenitori dei  diritti umani. Anche il vescovo di Manchester, David Walker, ha preso posizione dichiarando: "Evans non sarebbe un modello adatto". E gli sponsor? Due, come detto, si sono dati alla fuga.  Uno, Verlin Rainwater Solutions, addirittura ancor prima che Evans abbia effettivamente firmato. "Riteniamo che il signor Evans dovrebbe essere in grado di condurre una vita normale, senza ulteriori punizioni dopo aver scontato la sua pena", ha fatto sapere il direttore Craig Verling. "I nostri sentimenti, però, restano gli stessi: non dovrebbe svolgere attività pubbliche, visto che ciò che ha fatto in passato potrebbe influenzare i suoi tifosi, soprattutto le generazioni future. Ecco perchè abbiamo deciso di ritirare la sponsorizzazione". Un secondo sponsor, ZenOffice, ha annunciato - se non altro - che aspetterà l'effettiva stipula del contratto con Evans prima di lasciare l'Oldham: "Dovesse ingaggiare Evans, il percorso del club non sposerebbe più i valori di famiglia e di comunità adottati in passato", ha spiegato l'amministratore delegato Les Kerr. Evans, che avrebbe dovuto sostenere il primo allenamento lunedì scorso, resta alla finestra in attesa di sviluppi, che potrebbero arrivare dagli incontri tra gli emissari dell'Oldham e i rappresentanti dell'associazione calciatori professionisti inglese. Anche i 'sostenitori' di Ched Evans, intanto, hanno organizzato una contro-petizione in suo favore perché gli sia data una seconda possibilità: i sottoscrittori, però, sono stati appena duemila.

 

Tags: contratto condanna manchester stupro proteste Ched Evans petizione Oldham vescovo sponsor in fuga

Articoli Correlati

Questo sito fa uso di cookie.
Continuando la navigazione su questo sito web (quindi cliccando sul pulsante "PROSEGUI NELLA NAVIGAZIONE" o cliccando all'esterno di questa area) si autorizza l'impiego di cookie.
Per informazioni dettagliate sull'impiego dei cookie in questo sito web invitiamo a cliccare su "Maggiori informazioni".Qui è anche possibile revocare l'autorizzazione all'impiego di (alcuni) cookie presenti.

PROSEGUI NELLA NAVIGAZIONE